Manovra, Fiaip: No agli agenti immobiliari sostituti d’imposta, i costi amministrativi supereranno i 90 milioni di Euro

Manovra, Fiaip: No agli agenti immobiliari sostituti d’imposta, i costi amministrativi supereranno i 90 milioni di Euro

Righi (Fiaip): “Ennesima tassa occulta a carico della categoria”.

Arrivano da varie forze politiche alcuni emendamenti che chiedono al Governo di  sopprimere dal testo della manovra correttiva gli obblighi previsti per gli agenti immobiliari che si troverebbero a diventare sostituti di imposta. A seguito delle denunce nei giorni scorsi dalla Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali a Montecitorio dove si sta esaminando la manovra di correzione dei conti, sono  stati depositati  alcuni emendamenti a firma dei parlamentari On.  Cosimo Latronico (Gruppo Misto – CR), On. Alberto Giorgetti (Forza Italia) e On.  Luca Pastorino (Si -Sel-Pos).

“Ringraziamo tutti i parlamentari che hanno segnalato al Governo le maggiori problematiche presenti nel testo per gli agenti immobiliari e stanno portando avanti  le nostre posizioni.  Vista la recente apertura e disponibilità sulla questione delle locazioni brevi del Vice Ministro Enrico Morando ad apportare correttivi al Dl 50/2017, Fiaip fa appello a tutti i parlamentari, di maggioranza ed opposizione,  affinché  nel corso  dei prossimi lavori alla Camera sia possibile sopprimere dal testo gli obblighi previsti per gli agenti immobiliari.”

Il centro studi Fiaip ha calcolato che i costi amministrativi a carico dei 20.000 agenti immobiliari che si occupano di locazione turistica supereranno abbondantemente i 90 milioni di Euro.

“Il testo varato dal Governo si basa su dati relativi all’evasione fiscale dei proprietari di casa forniti da alcune associazioni di categoria che sono stati smentiti e bollati come “fake news” sia da Confedilizia che da Airbnb- dichiara il Presidente Nazionale Paolo Righi- e comunque per sconfiggere l’evasione fiscale si usino tutti gli strumenti già in possesso della pubblica amministrazione, quali ad esempio la tracciabilità dei pagamenti, senza aggravare di costi le nostre agenzie che da anni vivono in uno stato di crisi.”

Gli albergatori dovrebbero comprendere che non vi è concorrenza tra l’ospitalità alberghiera e le casa vacanza, in quanto le due offerte turistiche si rivolgono ad un pubblico diverso, sia per composizione dei nuclei familiari, sia per capacità di spesa.

Come al solito in questo Paese, anziché “fare sistema” e pensare a come attrare sempre più turisti, le lotte di posizione dei vari comparti turistici rischiano di creare un danno enorme all’intero sistema turistico.

“Constatiamo che il vezzo di mettere in atto politiche depressive anziché rivolte alla crescita non riguarda più soltanto l’Europa, ma anche il Governo Italiano – continua il Presidente Nazionale Fiaip Righi.   Ribadiamo la nostra volontà di essere al fianco dello Stato per combattere l’evasione fiscale, ma non quella di dover pagare 90 milioni di euro. L’impatto sulla categoria sarebbe devastante, in termini occupazionali e di sostenibilità economica.”

 

Roma, 16 maggio 2017

Fonte: Ufficio Stampa FIAIP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.